IL PORTALE DEI VEICOLI ELETTRICI - Anteprime, Prove, Tecnica

Untitled Document

RENAULT TWIZY

[ 22/10/2012 ]

La casa francese definisce la sua originale creazione “urban crosser”. Si tratta forse della più interessante novità in termini di mobilità urbana che sia mai stata commercializzata da molto tempo.
Twizy è un quadriciclo elettrico costruito a Valladolid, in Spagna, in vendita dal 31 marzo 2012 e capace di unire l'agilità di uno maxiscooter con la sicurezza di una microcar. Viene commercializzato in due versioni: 45 e 80 (che rappresentano le velocità massime).
Ma diamo un'occhiata a com'è fatto il mezzo perchè ad un primo approccio ci si potrebbe trovare spiazzati. E' la prima auto con posti in tandem (se si esclude la sfortunata “Carver One”), ha un motore Full-Electric, le portiere sono optional e si aprono ad ali di gabbiano, i finestrini non sono presenti, le ruote sono esterne alla carrozzeria (stile Hot Rod). Riguardo alla carrozzeria spicca inoltre il telaio perimetrale che ha lo scopo di assorbire gli urti (sul modello della cellula Tridion della Smart).
Nel complesso la linea appare piacevole anche se a nostro parere i due fari anteriori tondi, pur donandole un aspetto simpatico, stemperano un po’ troppo l’immagine high-tech della vettura). Twizy è sicuramente un veicolo che si fa notare (lasciate perdere le Porsche se sperate di attira l'attenzione). Nella nostra prova gli sguardi interessati dei passanti e le domande ai semafori sono stati una costante.


Le sue caratteristiche rendono Twizy perfetto per una mobilità urbana attenta all'ambiente, easy e giovane, ma, all’occorrenza, non disdegna neanche le stradine di campagna lungo le quali ci si può veramente divertire.
Come abbiamo detto ci sono due motorizzazioni, nella versione 45 (7kW / 9cv, coppia massima 33Nm) utilizzabile con patentino dai 14 anni e versione 80 (13kW / 17cv, 57Nm) che raggiunge gli 85 km/h e per guidarla ci vogliono 16 anni e la patente A1 o 18 anni e la patente B.
Ricordiamo che essendo omologato quadriciclo ci si può scordare autostrade e tangenziali, vogliamo tuttavia sottolineare che Twizy non è il veicolo adatto per questo tipo di tracciati.


La versione 45 (quella per Teenager) appare molto interessante per il tipo di utenza a cui si propone. Il look è davvero Cool e il testimonial scelto da Renault (il famoso DJ francese David Guetta) lo sottolinea. Le colorazioni saranno tante e si punterà molto sulle numerose serigrafie e colorazioni personalizzabili.
Se paragonato alle classiche microcar con motore monocilindrico diesel, vetturette squadrate e scoppiettanti (che imperversano soprattutto nella capitale), sembra di essere totalmente su di un altro pianeta!
Anche il prezzo appare molto competitivo: parte da 6.990€ più 50€ al mese per il noleggio delle batterie (una microcar classica costa in media 10.000€).
La dotazione comunque è veramente spartana (avete presente uno scooter?), per avere la versione più accessoriata Technic (con cerchi in lega, colorazione metallizzata ed alcuni particolari estetici in più) vanno aggiunti 900€. Esiste poi una versione intermedia (Color) accessibile con 300€ in più.
Come ulteriori optional ci sono: tetto in cristallo (250€), kit vivavoce (350€), antiappannamento parabrezza (150€), allarme (300€) e porte (600€). Avete letto bene, le porte sono optional è di serie invece una mantella impermeabile(sembra strano ma non è uno scherzo). Il modello provato aveva le porte, ma credo che fare un giro senza (magari in campagna) debba essere un’esperienza appagante, un po' come essere su una due ruote. Come abbiamo detto non esistono finestrini, quindi gli occupanti sono parzialmente esposti alle intemperie, per sopperire a questo problema sono stati introdotti di recente dalla Renault un paio di nuovi optional: finestrini removibili e riscaldamento.
La versione 80 risulta adatta ad un pubblico dai 16anni fino agli 80 (ovviamente con spirito giovane e senza problemi di reumatismi). Il prezzo parte dai 7.800€ più 50€/mese di noleggio batterie.


Le dimensioni della Renault Twizy sono contenute: 234 centimetri di lunghezza, per 124 di larghezza e 146 di altezza, si tratta rispettivamente di 36, 32 e 8 cm in meno rispetto alla Smart. L’impronta a terra è di soli 3 m² quindi i parcheggi sono garantiti (non gli slalom tra le macchine come sulle 2 ruote). L’accesso appare un po’ sacrificato solo per il sedile posteriore, per salire bisogna essere un po’ agili visto le dimensioni ridotte ma, una volta in posizione non si risente più di tanto (si sta come su uno scooter, con le gambe che avvolgono il sedile anteriore). Oltre alle dimensioni ridotte vanta anche un raggio di sterzata molto contenuto: 3,4 metri.
C’è anche un piccolo bagagliaio dietro al sedile posteriore dove è stato ricavato un vano da 31 litri ma la capacità complessiva sale a 81 litri aggiungendo le borse-zaino in opzione. Ci sono inoltre vari portaoggetti sparsi per l’abitacolo con una capienza complessiva di 10 litri, segnaliamo i due vani sulla plancia da 3,5 e 5 litri, quest’ultimo dotato anche di serratura (di serie dalla versione “Color”).


Veniamo ora alle sensazioni di guida. Quando si sale sulla Twizy sembra di essersi calati dentro ad un Kart camuffato. Si è seduti ad altezza terra, baricentro bassissimo (le batterie sono sotto i sedili), l’assetto è ultrarigido, lo sterzo duro (anche se non eccessivamente) e diretto. Non è presente infatti nessuna servoassistenza: niente servosterzo, niente servofreno e niente ABS. Ne segue una guida a cui ormai non siamo più molto abituati ma divertente.
La Twizy ha un’accelerazione da scooter, si arriva a 45 km/h rispettivamente in 9,9s per la versione 45 e 6,1s per la 80. Quest’ultima procede ed arriva in una manciata ulteriore di secondi a 80-85 km/h di velocità massima. Anche lanciata alla massima velocità in curva rimane stabile, da solo un po’ di apprensione sulle sconnessione e sui tombini a causa dell’assetto rigido, del passo corto e del peso contenuto.
La pulsantiera sulla plancia ti fa selezionare la marcia avanti o quella indietro. Davanti al volante, uno strumento digitale riunisce contachilometri, tachimetro, autonomia residua. E’ presente anche un econometro che aiuta ad ottimizzare la durata delle batterie. L’autonomia dichiarata, garantita da una batteria agli ioni di litio da 6,1 kWh, è di 100 km anche se l’autonomia effettiva è difficile che superi gli 80km (55 km guidando sempre “a tavoletta”). La ricarica è piuttosto veloce: collegato il cavo integrato di tre metri a una presa domestica si fa il “pieno” in massimo 4 h.


In conclusione ci sentiamo di consigliare la Renault Twizy a chiunque si riconosca in questo profilo:
- Possessore di box con presa di corrente;
- Teenager o non (comunque con spirito giovanile);
- Necessità di spostamenti giornalieri non oltre i 50Km;
- Secondo veicolo per la famiglia;
- Non eccessivamente preoccupato della temperatura (e in questo caso ci si rivolge agli utenti delle 2 ruote in cerca di maggiore confort o delle 4 ruote in cerca di novità e di risparmio).












Compara con: e anche con:

Modello
RENAULT TWIZY
Prezzo base [Euro] 7800
Note prezzo versione Urban 80 con noleggio batterie da 50 a 72€ al mese
Numero posti 2
Lunghezza [cm] 234
Larghezza [cm] 124
Altezza [cm] 146
Peso [Kg] 450
Tipologia Batterie ioni di litio
Numero celle nd
Capacita' [KWh] 6.1
Peso Batteria [kg] 98
Tempo di carica [h] 3.5
Autonomia[Km] 100
Propulsione elettrica
Motore corrente alternata trifase con rotore a bobina (Elec 1,5)
Potenza [cv] 17
Coppia [Nm] 57
Disposizione Motore posteriore
Trasmissione CVT
Trazione posteriore
Raffreddamento Motore aria
Raffreddamento Batterie aria
Velocita' massima [Km/h] 80
Accellerazione [0-100] 6,1s (0-45Km/h)
Ripresa [60-100] nd





COMMENTI:



CAPTCHA Image [Cambia codice]