IL PORTALE DEI VEICOLI ELETTRICI - Anteprime, Prove, Tecnica

Untitled Document

BRAMMO ENERTIA

[ 03/11/2012 ]

Il look della Enertia forse a prima vista potrebbe lasciare perplessi, vi diciamo subito che se le impennate ed i burnouts fanno parte del vostro catalogo di prodezze potete fare a meno di andare avanti a leggere. Altrimenti continuate pure e scoprirete che si tratta di moto vera, concreta, con personalità e capace di strappare più di un sorriso a chi la guida. Non sarà certo l’urlo arrabbiato di un quattro cilindri a 13.000giri che vi strapperà il sorriso ma l’esatto opposto, ovvero lo stupore di sentire il vento che soffia contro al casco e la gioia di sgusciare rapidi come un’anguilla in mezzo al traffico senza quel fastidioso ronzio (o scoppiettio, a seconda dei cc) nelle orecchie che offrono gli scooter.

Qui la trasmissione è diretta, non c’è né frizione né marce; ciò che reagisce al vostro comando è un moderno motore brushless AC di ultima generazione da 72-volt. La potenza non è stratosferica, si parla di 13Kw ovvero quasi 18cv con una coppia di 40Nm (4,08Kgm) e la velocità massima è di 100Km/h ma, trattandosi prettamente di un commuter cittadino, può essere sufficiente per gli utenti meno smaliziati. Il motore nell’utilizzo normale non appare fiacco, grazie alla coppia massima sempre disponibile e al peso relativamente contenuto del veicolo.
Se il mercato sia pronto a questo salto generazionale o meno lo scopriremo solo col tempo, ma il target a cui il prodotto si rivolge - che ribadiamo non è il motociclista smanettone- è più incline ad accettare questo genere di cambiamenti.


Il design della moto è quello dell’oggetto tecnologico ricercato - iphone style - tanto originale da risultare attraente o indigesto, senza vie di mezzo. Non sarà un paragone beneaugurante ma ci ricorda la Motò del’ Aprilia; qualcuno se la ricorda? Era una moto molto originale, linee curve, minimalista, il suo design vinse anche parecchi premi ma, contando le scarse vendite, non fu apprezzata dal pubblico.
Il marketing della Brammo pubblicizza la Enertia come un mezzo che ha le carte per rivoluzionare il trasporto di massa; noi rimaniamo con i piedi per terra poiché certamente, a causa del prezzo, rimarrà relegata ad una nicchia di appassionati.


Parliamo ora dei contenuti: l’elemento più importante di qualsiasi veicolo elettrico è costituito dalla tecnologia celata nella batteria; dal 2011 sono presenti due versione: la normale e la plus che si differenziano fondamentalmente per la capacità della batteria. Questa politica è la stessa seguita anche dall’unico competitor diretto: la Zero Inc. La Plus ha una batterie al litio ferro fosfato da 6.2 kWh ed un’autonomia media di 128 km (la metà per la versione più economica), la Brammo non ha ritenuto necessario dotare la Enertia del recupero di energia in frenata. Il peso della moto, per entrambi gli allestimenti, è di 145 kg.
L’Enertia Plus, rispetto al modello base, offre anche una caricatore più veloce, il raggio di sterzo ridotto, un cavalletto centrale, delle borse rigide laterali e una presa da 12V a cui è possibile collegare abbigliamento motociclistico con riscaldamento attivo.
I clienti potranno scegliere tra quattro nuovi colori: Eclipsed Black (nero), Peacekeeping Blue (blu), True Blood Red (rosso) e Aluminium Silver (argento).


Il sellino della moto appare abbondante ma è pensato per accogliere una sola persona (del peso massimo di 125Kg). La ciclistica parla di moto vera: l’altezza della sella è di 81cm mentre la lunghezza totale della moto è invece di 207cm. Il telaio perimetrale è in lega di alluminio saldato, il forcellone posteriore in acciaio rinforzato tubolare, la forcella anteriore rovesciata è una Marzocchi mentre l’ammortizzatore è Elka. I sottili sei raggi dei cerchi lasciano in vista l’impianto frenante composto da un singolo disco all’anteriore con pinze Brembo a due pistoncini e pinze Brembo al posteriore con un pistoncino. La succinta carenatura in plastica nasconde completamente l’intero cablaggio della moto, la costruzione appare in definitiva curata ed i materiali sono di qualità e adeguati al mezzo.


Accendere la Enertia richiede alcuni passaggi e una manciata di secondi, a sensazione ricorda molto più l’accensione di un computer che quello di una moto: prima di tutto si infila la chiave con trasponder nel blocchetto; quindi si tiene premuto per alcuni secondi un pulsante circolare munito di led al centro del “serbatoio”. In risposta si attiva una ventola piazzata sul motore ed il quadro analogico/digitale si illumina. Il chilometraggio offerto dalla “plus” ci appare addirittura sovradimensionato per l’utilizzo a cui è destinata la moto, per questa ragione, chi fosse intenzionato all’acquisto, ci sentiremmo di indirizzarlo verso il modello più economico.


Per quanto riguarda i prezzi, entrambe le versioni sono già importate in Europa a €6,855 per la Enertia e €8,655 per la Enertia Plus.












Compara con: e anche con:

Modello
BRAMMO ENERTIA
Prezzo base [Euro] 6855
Note prezzo 6.855€ (Enertia) ; €8,655 (Enertia Plus)
Numero posti 1
Lunghezza [cm] 207
Larghezza [cm] 50
Altezza [cm] 85
Peso [Kg] 147
Tipologia Batterie litio-ferro-fosfato
Numero celle nd
Capacita' [KWh] Enertia: 3.1KWh , Enertia Plus: 6.2KWh
Peso Batteria [kg] nd
Tempo di carica [h] Enertia: 4h, Enertia Plus: 7.5h
Autonomia[Km] Enertia: 68Km, enertia Plus: 128Km
Propulsione elettrica
Motore brushless AC 72V
Potenza [cv] 18
Coppia [Nm] 40
Disposizione Motore anteriore
Trasmissione diretta
Trazione posteriore
Raffreddamento Motore aria
Raffreddamento Batterie aria
Velocita' massima [Km/h] 100
Accellerazione [0-100] 0-50Km/h in 3.5s
Ripresa [60-100] nd





COMMENTI:



CAPTCHA Image [Cambia codice]