IL PORTALE DEI VEICOLI ELETTRICI - Anteprime, Prove, Tecnica

Untitled Document

Vectrix VX-2

[ 14/11/2012 ]

Il VX-2 è l’ultimo nato della famiglia di scooter elettrici della Vectrix, compatto, ben costruito e con prestazioni paragonabili ad un 50cc con motore endotermico.
Nasce dalla collaborazione della Vectrix con la Vmoto (compagnia australiana) e mira a proporre una soluzione di trasporto urbano (a corto raggio) pratica e decisamente più economica rispetto al VX-1 e VX-3 ma con contenuti interessanti.


Il VX-2 nasce dall’intelligente combinazione di elementi ad alta tecnologia ed altri economici. Dietro al progetto, come molto spesso accade nel mondo delle due ruote, c’è molto know-how italiano. In particolare il telaio è di derivazione Italvel (progetto successivamente acquisito da Vmoto) e anche il motore integrato nella ruota ha tecnologia italiana. La Vectrix acquista i diritti dalla Vmoto per utilizzare l’ E-max come base per il VX-2, sostituisce lo scudo anteriore con uno Vectrix-style e, soprattutto, sostituisce la centralina implementando il proprio brevetto di frenata rigenerativa. Il VX-2 è quindi dotato, come i fratelli maggiori, del “Multi-Function Throttle” tramite il quale è possibile ottenere una “frenata elettrica” che nel contempo ricarica le batterie e di una retromarcia.


Il telaio è a tubi di acciaio verniciato a polvere e le ruote ancorate ad esso sono da 13”. Il motore è un moderno brushless DC da 5,4 cv (4 Kw) ed è incorporato nella ruota stessa; le batterie, un po’ meno moderne (ma economiche) sono delle Silica Gel da 2.8Kw (48V) e sono integrate nella pedana.
Le dimensioni complessive dello scooter sono contenute: passo di 140cm e altezza di 76cm (un po’ più abbondanti rispetto ad un cinquantino tradizionale). Il peso invece è di ben 195Kg, più del voluminoso VX-1 Li. Questo è lo scotto da pagare alle economie di produzione che sono state necessarie per abbattere il prezzo del VX-2 rispetto ai fratelli maggiori.


Due freni a disco (uno davanti ed uno dietro) tengono a bada la massa del veicolo garantendo, insieme al freno elettrico sulla ruota posteriore, una frenata in spazi contenuti. La seduta è larga ed imbottita al punto giusto e non ci sono sbalzi in altezza per il passeggero che dispone di un appiglio a cui aggrapparsi.
Il VX-2, pur avendo uno stile originale, riesce a farsi notare senza apparire eccessivo. Rispetto ai classici scooter è più massiccio nella parte anteriore mentre rimane snello dietro, questo grazie alla coda tronca ed alla mancanza del classico barilotto dello scarico che, sui “cinquantini”, non ha mai assunto forme originali. Dal look tecnologico la ruota piena posteriore che racchiude il motore elettrico, in particolare è bello il colpo d’occhio sul lato destro dove risalta il coperchio nero lucido in bella vista (l’ammortizzatore è sull’altro lato) in contrasto con le sottili razze sdoppiate della ruota anteriore.
Il sottosella è ampio ma non abbastanza per contenere un casco integrale. In generale la qualità, la verniciatura e gli accoppiamenti delle plastiche, considerando la categoria a cui il VX-2 appartiene, sono buone.


Guidare questo nuovo Vectrix è facile come dovrebbe essere, basta girare la chiave nella posizione “on”, premere il freno e il “sistema” è pronto. La risposta del motore non si fa attendere quando siete pronti a tuffarvi silenziosamente nel traffico della città. A differenza di tutte le moto “classiche” qui bisogna imparare che la manopola dell’acceleratore, a partire dal punto morto, ha due direzioni di rotazione. Se da fermo si ruota la manetta nel senso opposto a quello abituale si innesta la retromarcia che, considerando il peso del veicolo, appare provvidenziale nelle manovre di parcheggio. In movimento si ottiene invece una sorta di “freno motore” e la ricarica delle batterie. A proposito del peso, appena si prende un minimo di velocità non ci si fa più caso grazie al baricentro molto basso ed al passo corto.


Lo scooter, essendo omologato come “ciclomotore” dichiara 45Km/h di velocità massima anche se, da tachimetro, si superano i 70Km/h abbastanza in scioltezza. Nonostante il peso infatti il VX-2 ha una risposta vivace e potrebbe gareggiare senza complessi con i 50cc più pepati.
Uno degli argomenti più “delicati” su di un veicolo elettrico riguarda l’autonomia, su questo punto in genere i dati dichiarati dal costruttore sono sempre piuttosto ottimistici (un po’ come per i veicoli a benzina). In questo caso la Vectrix dichiara un’autonomia di 65-88Km con una ricarica, noi ne abbiamo percorsi 60 senza risparmiare troppo l’acceleratore. Quando la carica residua scende sotto il livello di guardia la centralina taglia la potenza del motore in modo da dare il tempo al pilota di correre ai ripari ed evitare di rimanere a piedi. La cosa importante è ricordarsi di collegare la spina dello scooter alla 220V del box tutte le sete (il tempo di ricarica è di 3.5 ore), dopodiché ci si ritrova la mattina con un’autonomia giornaliera sufficiente a non generare troppe ansie.

Un discorso a parte meritano le batterie. Come abbiamo scritto, per limitare i costi (sono più economiche non solo delle batterie basate sul Litio ma anche delle Nickel-Cadmium), si è optato per delle batterie Silica-Gel che sono sicuramente più durature delle classiche piombo-acido, si ricaricano più velocemente e resistono meglio ad essere scaricate completamente. Il basso prezzo (circa 250€) è sicuramente una buona notizia in quanto l’intervallo di sostituzione è previsto ogni 300 cicli completi, quindi all’incirca una volta l’anno con un uso intensivo.
Se quindi l’unica motivazione che vi spinge ad interessarvi al mondo degli “elettrici” è il risparmio, credo che rimarrete un po’ deluso perché i costi sono paragonabili a quelli di un comune 50cc. Ma, se siete invece interessati ad avere uno scooter che molti vi invidieranno, se avete litigato con il vostro benzinaio, se l’idea di sfrecciare in lungo e in largo per la città silenziosamente ed accedere a luoghi proibiti ad altri veicoli a motore vi alletta, allora credo valga la pena di dedicare un pomeriggio per toccare con mano il VX-2.

Rimane ancora in sospeso la fatidica domanda: Quanto costa?... 3.890€












Compara con: e anche con:

Modello
Vectrix VX-2
Prezzo base [Euro] 3890
Note prezzo
Numero posti 2
Lunghezza [cm] 160
Larghezza [cm] nd
Altezza [cm] 76
Peso [Kg] 195
Tipologia Batterie Silica Gel
Numero celle nd
Capacita' [KWh] 2.8
Peso Batteria [kg] nd
Tempo di carica [h] 3.5
Autonomia[Km] 70
Propulsione elettrica
Motore brushless DC
Potenza [cv] 5.4
Coppia [Nm] 140
Disposizione Motore integrato nella ruota
Trasmissione diretta
Trazione posteriore
Raffreddamento Motore aria
Raffreddamento Batterie aria
Velocita' massima [Km/h] 45
Accellerazione [0-100] 0 - 45 km/h in 7 secondi
Ripresa [60-100] nd





COMMENTI:



CAPTCHA Image [Cambia codice]