IL PORTALE DEI VEICOLI ELETTRICI - Anteprime, Prove, Tecnica

Untitled Document

ECOSTRADA GHIBLI

[ 01/08/2017 ]

La Cina sta prendendo molto sul serio il mercato dei veicoli elettrici ed i progressi sono tangibili, se i primi prodotti potevano farci sorridere abituati nel vecchio continente a standard qualitativi elevati, ora cominciamo a vedere proposte molto interessanti come questo modello.
L’azienda italiana ECOSTRADA s.r.l. ha iniziato ad importare questo prodotto a partire dal 2013 ed ha creato una rete di vendita e assistenza ben distribuita sul territorio nazionale.



Sanyou, il produttore cinese del Ghibli, ha in catalogo cinque scooter elettrici, il modello recensito rappresenta il top di gamma della casa. Nonostante la stazza imponente (216×80×113cm) l’aspetto è moderno e slanciato, complici le linee tese della fiancata ed il frontale aerodinamico. I gruppi ottici, come da miglior tradizione nel mondo degli scooteroni, hanno un’impostazione automobilistica ed illuminazione a led posteriore.
Ad un occhio attento (ma neanche troppo) non sfuggirà la somiglianza con il Suzuki Burgman ma è risaputo che i cinesi sono maestri nel copiare dai migliori, e qui tutto sommato sembra abbiano fatto un buon lavoro.
Il sellone appare ben costruito, è dotato di schienale e fianchetti alti per meglio contenere il guidatore, la seduta è ben imbottita anche se forse alla lunga risulta un po’ rigida.
Il confort di utilizzo di un mezzo di questo tipo deve essere garantito anche dalla presenza di vani capienti, il Ghibli in questo non difetta assolutamente grazie all’assenza delle consuete componenti meccaniche e del serbatoio. Un vano di discreta capienza si trova nella parte anteriore del tunnel centrale al posto del serbatoio, due nello scudo anteriore più quello principale sottosella, molto ampio ma di scarsa profondità a causa della presenza delle batterie. Tutti sono dotati di serratura.


La strumentazione di tipo “automobilistico” è completamente digitale e molto completa e ben leggibile. E’ divisa in tre zone circolari: la parte centrale include il tachimetro (sia numerico che grafico con una barra progressiva a led blu) ed il conta chilometri totale, a sinistra troviamo la carica della batteria e l’ora, mentre a destra l’amperometro, che visualizza i flussi di corrente in tempo reale, ed il conta chilometri parziale.




Il propulsore è una moderna unità brushless da 6Kw, si tratta di un motore ruota ovvero risulta inserito all’interno della ruota posteriore stessa, questo riduce in modo drastico le parti meccaniche in movimento ed aumenta l’efficienza e gli intervalli di manutenzione. La ruota è sorretta da un forcellone di tipo motociclistico nascosto alla vista da due fiancatine in materiale plastico, troppo estese dal nostro punto di vista.
Nonostante la potenza disponibile non sia eccezionale le prestazioni sono comunque più che soddisfacenti, paragonabili ad un 125cc, questo grazie al peso contenuto in soli 145 Kg che è davvero un ottimo risultato per la categoria ed alla tipica ripresa brillante garantita dalla propulsione elettrica.
La velocità massima raggiungibile è di 110Km/h, la pendenza massima superabile è di 20° con un carico “normale” mentre il carico massimo supportato è pari a 170Kg.


Il motore ha una risposta molto progressiva ai comandi ed è dotato di retromarcia che è molto comoda nei parcheggi, inseribile con un commutatore a lato della manetta dell’acceleratore.
Un plus che piacerà molto agli smanettoni è la possibilità attraverso un apposito software di variare alcuni parametri della centralina quali la risposta all’acceleratore ed il livello di intervento del freno motore.
Quest’ultimo parametro anticipa una caratteristica interessante di questo scooter ovvero la possibilità di recuperare energia in frenata sfruttando l’elettronica del motore. I due freni a disco (quello anteriore è a margherita) sono ben assistiti dalla frenata elettrica che può essere impostata come abbiamo descritto su diversi livelli.
In marcia lo scooterone mette a proprio agio restituendo una sensazione di solidità ed una certa agilità, questo grazie al passo lungo, al manubrio largo e rialzato ed alle ruote da 13” (130/60).


Un capitolo importante riguarda l’autonomia del mezzo, il valore massimo dichiarato è di 100Km. Nell’utilizzo reale tuttavia senza voler staccare tutti ad ogni semafori ma non disdegnando neanche una guida dinamica si riescono a percorrere 50-60Km.
Tali valori sono garantiti da un pacco batterie LiFePo4 da 72V (60AH) ricaricabile completamente in 5 ore da una normale presa elettrica tramite il caricatore in dotazione. Il produttore dichiara un tempo di vita delle batterie pari a 2000 cicli carico-scarico, ovvero con un utilizzo intenso dovrebbero durare circa 7 anni prima che la capacità degradi significativamente.


Il prezzo è di 6500€.
In questa categoria il Ghibli ha un costo molto competitivo, un’alternativa potrebbe essere il validissimo Vectrix VX-1 che offre potenze e contenuti più raffinati ma ad un prezzo molto più elevato (vanno aggiunti circa 3000€).












Compara con: e anche con:

Modello
ECOSTRADA GHIBLI
Prezzo base [Euro] 6500
Note prezzo
Numero posti 1
Lunghezza [cm] 216
Larghezza [cm] 80
Altezza [cm] 113
Peso [Kg] 145
Tipologia Batterie LiFePo4
Numero celle
Capacita' [KWh] 60AH (72V)
Peso Batteria [kg]
Tempo di carica [h] 5
Autonomia[Km] 50
Propulsione elettrica
Motore Brushless
Potenza [cv] 6000W
Coppia [Nm]
Disposizione Motore ruota
Trasmissione posteriore
Trazione diretta
Raffreddamento Motore aria
Raffreddamento Batterie aria
Velocita' massima [Km/h] 110
Accellerazione [0-100]
Ripresa [60-100]





COMMENTI:



CAPTCHA Image [Cambia codice]